Medico Chirurgo Ortopedico | Dott. Luca Pazzaglia

Medicina rigenerativa

Infiltrazioni di plasma ricco di piastrine (PRP)

medicina rigenerativa
Le cure con PRP Piastrine sfruttano le difese dello stesso paziente per favorire ed accelerare i naturali processi di riduzione dell’infiammazione e rigenerazione tissutale.

Sono le sentinelle della nostra omeostasi interna ed hanno la straordinaria capacità di richiamare ed indirizzare le cellule staminali residenti nel nostro organismo verso processi riparativi.

È possibile sfruttare a livello terapeutico il meccanismo biologico di queste cellule ricorrendo ad un semplice prelievo di sangue.

Tale metodica definita “gel piastrinico” o PRP (Platelet Rich Plasma) e consiste nel prelevare una piccola quantità di sangue dal paziente stesso da cui, con opportuna procedura, vengono estratti i “fattori di crescita” prodotti dalle piastrine . Tali fattori promuovono la riparazione tissutale richiamando le cellule staminali residenti che stimolano la guarigione del tessuto degenerato.

Infiltrazioni di plasma ricco di piastrine (PRP - PlateRichPlasma)

Lo scopo di questa metodica è quello di sfruttare i fattori di crescita presenti negli α-granuli delle piastrine dello stesso paziente per accelerare e potenziare i fisiologici processi di rigenerazione tessutale.

OBIETTIVO PRP

L’obiettivo quindi delle infiltrazioni con PRP è quello di:
  • ridurre o eliminare il dolore e le manifestazioni infiammatorie ad esso connesse con conseguente recupero della funzionalità articolare;
  • accelerare l’evoluzione dei processi riparativi tessutali cartilaginei.

INDICAZIONI TERAPEUTICHE

Tale procedura risulta essere molto valida nelle:
  • tendinopatie acute e croniche (resistente a terapia medica, fisica ed infiltrativa);
  • lesioni cartilaginee focali;
  • lesioni muscolari;
  • primi stadi artrosici.

TEMPI DI ESECUZIONE DELLA PROCEDURA

Fortunatamente rispetto a non molto tempo fa ora le moderne tecniche di prelievo non sono più invasive, sono assolutamente indolore e possono essere fatte ambulatorialmente in poco tempo con dimissione immediata del paziente.

DOVE SI PUÒ UTLIZZARE

Prp Tendinopatie
Prp Condropatia
L’uso di tale metodica si può quindi rivelare molto utile nel ritardare (tenendo presente la possibile ripetitività della stessa), o in alcuni casi ritardare, l’intervento chirurgico.

PROCEDURA

L’infiltrazione contenete PRP viene eseguita nel sito della lesione in 2 somministrazioni a distanza di un breve periodo di tempo.

La riduzione della sintomatologia dolorosa può verificarsi già dopo la prima somministrazione. Tale metodica NON necessita di anestesia e viene eseguita ambulatorialmente (richiedendo circa 1 ora fra prelievo-lavorazione ed infiltrazione) esclusivamente in centri autorizzati che sono sotto il diretto controllo del centro emotrasfusionale regionale di riferimento.

Il trattamento risulta essere ben tollerato dai pazienti ed è compatibile con tutte le attività di vita quotidiana.

Torna su